COSA PASSA PER LA MENTE DEI NEET?


neet artificial intelligence 4922134 640

Va chiarito per il lettore, che sono chiamati Neet (Not in Education, Employment or Training) gli inattivi, coloro che non studiano, non lavorano e non seguono una formazione professionale. Stando agli ultimi aggiornamenti (fonte ISTAT, 2018), considerando ad esempio i giovani italiani Neet tra i 15 e i 29 anni, essi sono pari a 2.116.000, e rappresentano il 23,4% del totale dei giovani della stessa età presenti sul territorio, posizionando in questo modo l’Italia tristemente al primo posto nella graduatoria dell’Eurozona.

Come tutti i fenomeni anche il fenomeno dei Neet ha delle cause che non riguardano esclusivamente l’economia e il mercato del lavoro, ma anche cause sociali che si basano sui paradossi dell’abbondanza di beni e dell’agiatezza economica, nonché cause famigliari ed educative. La condizione di Neet non sembra avere connotazione di genere e la distribuzione per titolo di studio esprime una predominanza in possesso di diploma di scuola media superiore, seguono i giovani con al massimo la licenza media, mentre più bassa è la quota di Neet in possesso di laurea (fonte Anpal, 2018). Sulla base del rapporto che i Neet dichiarano di avere con il mercato del lavoro, sui motivi di inattività e sull’approccio mentale verso il lavoro e nei confronti  della società, si evidenziano alcune differenziazioni: i Neet in cerca di occupazione che rappresentano il gruppo maggioritario, i Neet in cerca di opportunità, i Neet indisponibili e i Neet disimpegnati. Si è scritto per la prima volta dei Neet nel 2002, il neologismo è stato introdotto dai sociologi Bynner J. & Parson S. in un articolo dal titolo “Social exclusion and the transition from school to work: the case of young people not in education, employment of training (NEET). I due sociologi hanno interpretato il fenomeno generazionale come una delle conseguenze della mancata volontà di responsabilizzarsi a causa delle difficoltà nella transizione alla vita adulta. Secondo Bynner & Parson i giovani non compiono i cinque passi fondamentali verso il passaggio alla vita adulta: il trasferimento dalla casa dei genitori, lo studio a completamento del percorso scolastico e formativo, l’ingresso nel mondo del lavoro, la formazione di un nucleo famigliare, l’assunzione di responsabilità verso i figli. Cosa favorisce il fenomeno dei Neet? Oggi “i giovani devono e sanno muoversi senza la percezione chiara di dove stanno andando, dell’equilibrio esistente tra loro e l’ambiente, e devono farlo velocemente: il videogame va avanti senza sosta e non aspetta. Imparano a far fronte a questa emergenza attraverso prove ed errori e non possono perdere tempo tra una partita e l’altra. A volte non sanno neppure se hanno vinto o perso le “partite” che si trovano a giocare”, scrive la psicoterapeuta Margherita Spaguolo Lobb. Cinquanta anni fa la società era insensibile verso il bisogno di ribellione e di differenziazione dei giovani, mentre oggi la società rivela una insensibilità al bisogno di radicamento dei giovani. “Oggi nessuno chiama i giovani, la società non li legittima nel loro ruolo di creatori del futuro”, come ci ricorda Umberto Galimberti. Di fronte ad un futuro vuoto e privo di prospettive per loro, i giovani possono così rischiare di incorrere in derive di aggressività o di disimpegno.

 

PROFILO DI STEFANO AGATI

Stefano Agati è un Sociologo professionista, membro del Direttivo Nazionale *ANS, Associazione Nazionale Sociologi e Presidente ANS Dipartimento Veneto. Dottore magistrale in Psicologia dell’Educazione e in Sociologia ad indirizzo psicologico. GiàProfessore a contratto nell’ambito disciplinare del Management sanitario presso l’Universitàdegli Studi di Padova, Facoltà di Medicina e Chirurgia. Counselor Relazionale Professional Trainer, iscritto al n. 369 del Registro AN.Co.Re.

 

*ANS, Associazione Nazionale Sociologi, è stata fondata a Roma nel 1982. Tra i suoi scopi primeggiano la promozione del ruolo del sociologo, il contributo allo sviluppo delle scienze sociali, l’organizzazione di convegni, la realizzazione di ricerche, gli scambi culturali e la collaborazione con altre associazioni ed enti nazionali ed internazionali.

Potrebbero interessarti ...