Orientarsi, trovare il proprio Oriente


Orientarsi, trovare il proprio Oriente, il punto di riferimento in base al quale ordinare e dirigere il proprio percorso di vita. Impresa ardua e di non facile attuazione, in modo particolare in questi nostri tempi segnati dal relativismo dei valori, dalla crisi della famiglia intesa in senso tradizionale, da innovazioni tecnologiche che incidono profondamente sulle dinamiche relazionali e dalla rapidità dei mutamenti socio-economici. Il futuro è, agli occhi dei nostri giovani, sempre più nebuloso, incerto, e ciò che ne deriva è un senso di spaesamento che rende difficile trovare un ancoraggio solido su cui costruire il progetto futuro. Tuttavia proprio la fluidità del contesto storico e sociale attuale, ci indica una via forse più autentica, che è quella dell’interiorità, per individuare all’interno di noi stessi le vocazioni, le passioni, i talenti che possono costituire la spinta e la motivazione di fondo.

 

Perché questa introspezione non sia superficiale né solipsistica, cosa che la depriverebbe di tutto il suo senso e della sua efficacia, è necessario ed opportuno che sia sostenuta ed accompagnata da tutti quei soggetti che concorrono alla formazione delle nuove generazioni, a partire dalla famiglia, alla scuola, alle varie agenzie formative.

 

Il progetto Orien.Ta.Re mira a stimolare la consapevolezza nella comunità dell’importanza del suo ruolo, e ad agire in modo sinergico perché le nuove generazioni possano intraprendere percorsi formativi e lavorativi gratificanti a livello personale e funzionali al progresso della nostra società.

 

PARTECIPA AL CONVEGNO E OTTIENI IL LIBRO GRATIS

 

Potrebbero interessarti ...