ANASSIMENE [VI secolo) – Mileto


 

Diciamo che sintetizza la posizione di Anassimandro e di Talete infatti sostiene che il principio è infinito e in-determinato ma sostiene anche che tale principio sia l’aria

1) per la sua natura “rarefatta” e mobilissima si presta meglio ad essere concepita come perenne movimento

2) si presta alle trasformazioni attraverso il processo di condensazione e rarefazione (diventa acqua, terra, fuoco) e quindi funziona meglio come origine di tutte le cose

3) permette in modo più concreto di dedurre la genesi delle cose e del cosmo

 

Anassimene rappresenta l’espressione più rigorosa e logica della Scuola di Mileto perché con il processo di condensazione/rarefazione introduce una causa dinamica di cui Talete non aveva parlato e che Anassimandro aveva determinato ispirandosi a concezioni orfiche (ingiustizia/espiazione)

 

Potrebbero interessarti ...