Il Sogno, un meraviglioso mistero


sogniLe domande: Perché sogniamo? Qual è la funzione del sogno?
Sono facili da fare, ma molto difficile è rispondere.
La risposta più onesta è che non si conosce ancora e precisamente la funzione o le funzioni di sognare. Questa ignoranza non dovrebbe sorprendere perché, nonostante molte teorie non comprendiamo ancora appieno lo scopo del sonno, né conosciamo a fondo tutte le funzioni di REM (rapid eye movement) del sonno, che si attiva quando si sogna.
Alcuni scienziati hanno assunto la posizione che il sogno probabilmente non ha alcuna funzione, essi ritengono che il sonno, e in essa il sonno REM, abbia funzioni biologiche (anche se questi non sono del tutto stabilite) e che il sogno è semplicemente un epifenomeno, sull'attività mentale che si verifica durante il sonno REM.
Io non credo però che questo sia l'approccio più proficuo per lo studio del sogno stesso.

Il sogno è essenziale per il benessere mentale, emozionale e fisico.
Quindi, cerchiamo di saperne di più su alcune delle più importanti teorie del sogno.

 

Principali sono la teoria di Freud che i sogni portano i nostri desideri nascosti
e la teoria di Jung che i sogni hanno un significato, anche se non sempre del desiderio sessuale e che questi sogni possono essere interpretati dal sognatore. Dopo queste teorie, altri hanno continuato ad esempio la teoria di Cayce che i sogni sono i nostri corpi mezzi di costruzione del mentale, spirituale e benessere fisico.La teoria di Evans afferma che il sogno è il nostro modo di conservare i corpi, la vasta gamma di informazioni acquisite durante il giorno e che queste informazioni siano poi immagazzinata e liberate durante il sonno stesso. Qualunque teoria è vera, forse non sapremo mai, quale di queste teorie sia la più giusta ma possiamo decidere per noi stessi ciò che crediamo sia vero e in seguito auto-aiutarci nella comprensione dei nostri sogni.

 

La Teoria di Freud

Di tutte le teorie la sua, è quella che spicca di più.
Egli riteneva che un sogno rappresentava un desiderio continuo con le attività dei precedenti giorni. Essi possono anche rappresentare i desideri che sono stati dentro di noi fin dalla prima infanzia.
In realtà, secondo lui, ogni sogno è in parte motivato da un desiderio d'infanzia.
Un'altra idea interessante è che nulla è fatto durante un sogno e che sono biologicamente determinati, derivato completamente da bisogni istintuali e le esperienze personali.
Probabilmente una delle idee più interessanti tra queste teorie è la sua teoria di occorrenza sogno.
I sogni si verificano in uno stato di "collasso dell'io" quando le esigenze della Id (imperativo bisogni corporali) e Superego (ideali dell'Io coscienza) convergono sul Ego (desideri personali e mediatore tra l'Es e Super-Io).
In termini più semplici, un sogno si verifica quando il desiderio inconscio è legato al preconscio e invece di essere scaricato,riaffiora.
Nel sogno c'è un contenuto manifesto" (quello che si ricorda e si racconta quando ci si sveglia)
e un "contenuto latente" (quel senso del sogno che l'individuo non sa riconoscere: dove va la testa!"). Ebbene,proprio questo contenuto latente "contiene il vero significato del sogno stesso,
mentre il contenuto manifesto non è altro che una maschera, una facciata.
Molte delle teorie di Freud sono oggi ancora in piedi, ma soprattutto nel campo dei meccanismi di difesa, che il nostro corpo utilizza mentre sogniamo. Se le nostre menti hanno avuto a che fare troppo con la negazione, la regressione o la repressione, provoca un conflitto interno, che prende posto nel sogno.Questo ci impedisce di costruire intollerabili stati di tensione psicologica nella vita reale.

 

La Teoria di Jung

Jung, in disaccordo con la teoria di Freud, riteneva che il metodo più efficace per l'interpretazione fosse l'uso di correlazione di serie.
La Correlazione di serie è un processo che coinvolge l'analisi dei sogni nel tempo.
Jung ha suggerito di considerare i sogni una fusione di immagini oniriche che formano poi un sogno più grande.Jung gli classifica in tre parti: l'inconscio collettivo, l'inconscio personale e la coscienza.
L'inconscio collettivo è costituito da depositi incastonati dei processi mondiali.Essa non dipende da esperienza personale, ma solo dalle immagini che sono prefigurati con l'evoluzione.
L'inconscio personale è un meccanismo di recipiente o di archiviazione per ciò che non è contenuta nella coscienza. Essa detiene l’associazione del dimenticato, esperienze fatte senza farsi notare, osservazioni, domande immorali, i pensieri repressi e scartati, mezzi pensieri, dettagli apparentemente irrilevanti, e incongruenze.
Finalmente arriva la coscienza, che si sviluppa attraverso sensazioni, pensieri, e l'intuizione.
Durante l’interpretazione dei sogni Jung si accorse che la cosa più importante da fare era porsi domande sulle immagini nei sogni e annotare tutte le associazioni, seguendo lo schema delle domande seguenti:

 

Qual è la forma dell'immagine?
Qual è la funzione dell'immagine?
Quali modifiche ha l'immagine?
Che cosa fa l'immagine?
Cosa piace e non piace dell’immagine?
Che cosa ricorda l'immagine?


La Teoria di Evans

Secondo Evans, ogni volta che andiamo a dormire il nostro cervello si stacca dal mondo esterno e utilizza questo tempo per ordinare e organizzare tutte le informazioni prese nel corso della giornata. Soprattutto durante il sonno REM, quando il cervello diventa isolato per le vie sensoriali e motorie neuronali. Durante questo periodo le nostre banche dati e i file di programma vengono aperti e resi disponibili per la modifica sulla riorganizzazione, sulla base di quello che è successo durante il giorno.
In questa teoria, non siamo a conoscenza della gamma completa di trattamento che si verifica durante il sonno REM. Mentre sogniamo il cervello ritorna on-line per un breve periodo di tempo e alla mente cosciente è permesso di osservare un piccolo campione dei programmi che vengono eseguiti.Il cervello tenta di interpretare queste informazioni allo stesso modo sarebbe durante lo stato di veglia, ciò che è creato da questi campioni di informazione è un sogno. In poche parole, i sogni non sono altro che una minuscola quantità di informazioni che vengono analizzate e risolte durante il sonno REM.

 

Dopo tutte queste teorie sul sogno e sul perché sogniamo, mi sento di concludere con questa frase:
“Ma tu chi sei che avanzando nel buio della notte inciampi nei miei più segreti pensieri?....”
…………..Riflettiamo!....Buon sogno a tutti!

Per ulteriori informazioni, clicca sulla mia foto in alto a destra di questo articolo e vai nella sezione Curriculum,Contatti e Annunci
A presto Dr. Alloggio A. A.

Potrebbero interessarti ...