L’ipnosi: La regressione dell’Io al servizio dell’Io


ipnosi copyChe cosa è esattamente l'ipnosi?

Le definizioni possono variare, ma l'American Psychological Association descrive l'ipnosi come un’interazione cooperativa in cui il partecipante risponde alle suggestioni dell'ipnotizzatore.

Spesso l'ipnosi è considerata grazie alle sciocche esibizioni popolari,un comando in cui viene richiesto alle persone di eseguire azioni insolite o ridicole, la tecnica reale invece che è stata clinicamente dimostrata è quella di fornire prestazioni mediche e terapeutiche, in particolare nella riduzione del dolore e l'ansia.

Come funziona l'ipnosi?

Quando si sente la parola “ipnotista”, ciò che spesso viene in mente è l'immagine di un sinistro personaggio che porta ad uno stato ipnotico un soggetto facendo oscillare un orologio da tasca avanti e indietro.

In realtà, l'ipnosi vera ha poco a che fare con queste immagini stereotipate,secondo John Kihlstrom, "L'ipnotista non può ipnotizzare l'individuo, piuttosto, l'ipnotista serve come una sorta di allenatore o tutor il cui compito è quello di aiutare la persona a diventare ipnotizzata.

Durante la fase ipnotica il fenomeno è spesso descritto come un sonno simile allo stato di trance, è meglio espresso in uno stato caratterizzato da attenzione focalizzata, suggestionabilità e fantasie vivaci.

 

Quali effetti produce e può avere l'ipnosi?

L'esperienza dell'ipnosi può variare notevolmente da una persona all'altra.

Alcuni individui ipnotizzati riferiscono di provare un senso di distacco o di estremo relax durante lo stato ipnotico, mentre altri ancora ritengono che le loro azioni sembrano verificarsi al di fuori della loro volontà cosciente. Altri individui possono rimanere pienamente consapevoli e in grado di effettuare conversazioni mentre sono sotto ipnosi.

 

Gli esperimenti del ricercatore Ernest Hilgard hanno dimostrato come l'ipnosi può essere usata per alterare drammaticamente le percezioni e si può indurre un individuo ipnotizzato a non sentire ad esempio il dolore.

In alcuni esperimenti ipnotici alcuni soggetti sono stati sottoposti a immergere il loro braccio in acqua ghiacciata e si è rilevato che i soggetti non ipnotizzati hanno dovuto rimuovere il loro braccio dall'acqua dopo pochi secondi a causa del dolore, a differenza invece gli individui ipnotizzati che hanno potuto lasciare il loro braccio in acqua ghiacciata per vari minuti senza sentire alcun dolore.

 

Per cosa si può utilizzare l'ipnosi?

Ecco alcuni casi:

 

Il trattamento di condizioni di dolore cronico come l'artrite reumatoide

Il trattamento e la riduzione del dolore durante il parto

La riduzione dei sintomi di demenza

La riduzione della nausea e del vomito nei pazienti con tumore sottoposti a chemioterapia.

Il controllo del dolore durante le procedure dentistiche

Eliminazione o riduzione delle condizioni della pelle tra le verruche e psoriasi.

Attenuazione di associazione con i sintomi di sindrome dell'intestino irritabile.

 

Tutti si possono ipnotizzare?

Molte persone pensano che non possono essere ipnotizzate, invece la ricerca ha dimostrato che un gran numero di persone sono ipnotizzabili più di quanto credono.

Il 15% delle persone sono molto sensibili all'ipnosi

I bambini tendono ad essere più suscettibili all'ipnosi.

Circa 10% degli adulti sono considerati difficili o impossibili da ipnotizzare.

Coloro che sono propensi alle fantasie sono molto più sensibili all'ipnosi.

 

Teorie della Ipnosi

Una delle più note teorie è la teoria neodissociation Hilgard di ipnosi. Secondo Hilgard, le persone in un'esperienza di stato ipnotico hanno una coscienza divisa in cui ci sono due diversi flussi di attività mentale.

Mentre un flusso di coscienza risponde alle suggestioni dell'ipnotizzatore, un altro flusso dissociato produce informazioni su processi al di fuori della consapevolezza cosciente.

 

L’ Ipnosi e i Miti:

Mito 1: Quando ti svegli da ipnosi, non si ricorda tutto ciò che è successo quando siete stati ipnotizzati?

 

L’amnesia può verificarsi in casi molto rari, la gente generalmente tende a ricordare tutto quello che si è verificato mentre erano ipnotizzati. Tuttavia, l'ipnosi può avere un effetto significativo sulla memoria, si tratta di un amnesia post-ipnotica che può portare una persona a dimenticare certe cose che si sono verificate prima o durante l'ipnosi. Questo effetto è generalmente limitato e temporaneo.

 

Mito 2: L'ipnosi può aiutare le persone a ricordare i dettagli esatti di un crimine che ha visto?

 

L’ipnosi può essere usato per migliorare la memoria, ma altri effetti “miracolosi”sono stati notevolmente esagerati da chiacchiere popolari. La ricerca ha scoperto che l'ipnosi non porta al miglioramento significativo della memoria o la precisione,  infatti nel 10% di casi l'ipnosi può anche portare a ricordi falsati o distorti.

 

Mito 3: Si può essere ipnotizzato contro la propria volontà?

 

Nonostante le storie di persone che vengono ipnotizzati senza il loro consenso, l'ipnosi richiede la partecipazione volontaria da parte del paziente.

 

Mito 4: L'ipnotista ha il controllo completo delle vostre azioni mentre sei sotto ipnosi?

 

Anche se le persone spesso credono che le loro azioni sotto ipnosi possono verificarsi senza l'influenza della loro volontà, un’ipnotista non può fare eseguire le azioni che sono contro i vostri valori o morale.

 

Mito 5: L'ipnosi può rendere individui super-forti, veloci o atleticamente talentuosi?

 

L'ipnosi a non può rendere le persone più forti o più atletici rispetto alle loro capacità fisiche esistenti.

 

In conclusione se siete interessati ad essere ipnotizzati è importante ricordarsi di affrontare l'esperienza con una mente aperta..

La ricerca ha suggerito che gli individui che vedono l'ipnosi in una luce positiva tendono a rispondere meglio a questa particolare esperienza introspettiva.

Per ulteriori informazioni, clicca sulla mia foto in alto a destra di questo articolo e vai nella sezione Curriculum,Contatti e Annunci
A presto Dr. Alloggio A. A.

Potrebbero interessarti ...